Vit.En

Mal Bianco della Vite

Biologia

E. necator è in grado di di svernare in forma asessuata (o miceliare) oppure tramite cleistoteci.

Svernamento in forma miceliare. Tale possibilità si verifica a seguito di inverni miti, tipici delle aree viticole più calde come centro-nord Italia, midi della Francia, Spagna , California, ecc… Il micelio, presente sulla vegetazione a fine estate può trascorrere l’inverno protetto fra le perule delle gemme, per dare origine a nuove e precoci infezioni la primavera successiva. Temperature invernali inferiori a 12 °C sono però in grado di inattivare il micelio rendendolo pertanto innocuo (Hill, 1990).

Svernamento tramite cleistoteci. Essi sono corpuscoli sferici con diametro di circa 0,1 mm in grado di contenere 6 aschi, ciascuno dei quali produce 4-8 ascospore. I cleistoteci cominciano a formarsi in quantità verso fine estate e vengono dispersi da vento e piogge durante l’autunno. Svernano al riparo tra le screpolature della corteccia per germinare la primavera successiva, con un grado di successo che può raggiungere il 40% (Cortesi e Bisiach, 1999).

Ricerca per Tag: Mal Bianco della Vite

Difesa della vite e qualità del vino.

Di Daniele Eberle Da Vitenda 2012 L'autore riporta i dati di alcune prove condotte in Piemonte, evidenziando l'interazione tra alcune malattie fungine come peronospora e oidio ed i livelli di maturazione e la qualità delle uve.

Moscato. L'oidio compromette la qualità del prodotto

Daniele Eberle, Salvatore Giacoppo Da Millevigne n. 2 del 2013 Una prova biennale eseguita nel comune di Calosso (AT) su Moscato ha messo a confronto diverse linee di difesa antioidiche con un testimone non trattato.

Biologico. Le alternative al rame

Riccardo castaldi Da Millevigne n. 1 del 2013 L'articolo presenta le alternative all'uso di rame e zolfo nella lotta alle malattie fungine della vite, in agricoltura biologica: dagli induttori di resistenza ad alcuni prodotti.

Evoluzione dei principi attivi antioidici

Lorenzo Lelli, Mauro E. M. D'Arcangelo Da Vitenda 2011 Uno sguardo onnicomprensivo sui principi attivi contro l'oidio della vite, scoperto in Inghilterra nel 1845 e segnalato in Italia due anni dopo. Allo zolfo impiegato inizialmente e [...]

L'oidio della vite nell'Italia meridionale.

Di M. Miazzi e A. Santomauro Da Vitenda 2010  

Risultati di tre anni di sperimentazione contro il Mal bianco della vite in Piemonte

Albino Morando, Simone Lavezzaro, Stefano Ferro Dagli Atti delle Giornate Fitopatologiche" 2014 Nelle annate dal 2011 al 2013 si è saggiata l’efficacia di diversi principi attivi contro il mal bianco della vite (Erysiphe [...]

Lotta all'oidio della vite con formulati derivati da alghe

di Sozzani F., Morando A.Per Atti Giornate Fitopatologiche, vol. 1, 2006Prodotti a base di alghe arricchiti con vari elementi hanno fornito un'efficacia del 70% su oidio, al confronto con principi attivi tradizionali presenti in commercio.

Oidio sempre di attualità

Da Millevigne n.4 2012 Di Michele Vigasio Come riconoscere i sintomi e impostare una corretta linea difensiva contro il "mal bianco" della vite, malattia fungina piuttosto temibile per varietà sensibili come Moscato, Nebbiolo e Chardonnay.

Nuovi mezzi di lotta alle malattie fungine della vite

di Maria Lodovica Gullino Si esamina la difesa della vite dalle tre principali malattie crittogame: peronospora, oidio e botrite. Vengono citati i nuovi fungicidi, sia quelli già in commercio che quelli in fase avanzata di [...]
Pagina:
1
23>>