Vit.En

Spollonatura

Esecuzione della spollonatura

Normalmente vengono asportati tutti i succhioni, meno uno o due che potrebbero servire per eventuali potature di ritorno. Le casistiche sono comunque fortemente influenzate dalla forma di allevamento e dall'operatore. L'asportazione può essere manuale, meccanica o chimica.

Spollonatura manuale. Richiede tempi lunghi (20-40 ore/ha) però risulta precisa e funzionale. Inoltre così facendo è possibile abbinare alla spollonatura anche la scacchiatura.

Spollonatura meccanica. Realizzata in tempi contenuti (4-8 ore/ha) tramite apposite macchine spollonatrici. Esse hanno il vantaggio di liberare il sottofila dalle infestanti con un unico passaggio, ma è molto importante che l’operatore non insista nell’eccessiva pulizia del ceppo. Ciò provocherebbe l’asporto della corteccia e possibili danni alla pianta, tutt’ora da verificare. Altro svantaggio è rappresentato dall’impossibilità di utilizzo di queste macchine su viti giovani (diciamo almeno sino al 4° anno di età) e ciò diviene un problema in quei vigneti dove, per i motivi più disparati (piante vecchie, flavescenza dorata, mal dell’esca, ecc.) si procede abitualmente a rimpiazzare le viti morte con barbatelle. È necessario fare molta attenzione durante le operazioni di spollonatura meccanica perché il rischio di danneggiare queste piantine in mezzo alle altre è molto elevato.

Spollonatura chimica. Consiste nel distribuire un disseccante che elimini i polloni senza venire assorbito dalla vite (Lavezzaro et al., 2012). Anche in questo caso sarebbe auspicabile con un unico passaggio provvedere alla spollonatura e al diserbo sottofila.

Ricerca per Tag: Spollonatura

Spollonatura e pulizia sottofila limitano il legno nero della vite

di L. Picciau, S. Lavezzaro, A. Morando, A. Cesano. D. Cuttini. M.A. Saladini. A. Almada Informatore Agrario numero 25/2010Le prove svolte in Piemonte dal 2007 al 2009 permettono di affermare che la spollonatura e la pulizia del sottofi lare [...]

Spollonatura chimica del vigneto. Due anni di esperienze

di Lavezzaro S., Morando A., Ferro S.Per Atti Giornate Fitopatologiche  2012Negli anni 2009 e 2010 è stata condotta una prova di  spollonatura chimica di tre vigneti coltivati a Moscato bianco, Barbera e Chardonnay valutando [...]

La spollonatura del vigneto

di Sergio Lembo Spollonatura manuale, che offre il miglior risultato tecnico pur essendo costosa e faticosa, o meccanica con decespugliatore che per

Miniguida alla potatura verde

di Albino Morando Un piccolo compendio delle tecniche agronomiche per una corretta gestione del verde, con un occhio di riguardo a quanto è possibile e doveroso meccanizzare e quanto va eseguito ancora pazientemente a mano

Gestione nel vigneto di polloni e infestanti sottofila

di Sergio Lembo, Gianluca Ravizza.La spollonatura manuale, pur essendo un’operazione onerosa e faticosa, è ancora molto diffusa perché mirata e precisa. Per ridurre i costi questo intervento in verde può essere [...]

Gestione in verde del vigneto

di Stefano Poni. La gestione della chioma (scacchiatura dei germogli, cimatura, defogliazione e diradamento dei grappoli)è il parametro che incide maggiormente sulla quantità di manodopera e sulla qualità finale dell'uva. [...]

Spollonatura e pulizia sottofila limitano il legno nero della vite

Picciau L., Lavezzaro S., Morando A., Cesano A., Cuttini D., Saladini M.A., Alma A. L'Informatore Agrario, 25 - 2010 Si riportano i risultati di una prova triennale condotta in Piemonte dall'Università di Torino in collaborazione con [...]

Diserbo e spollonatura in vigneto con un unico intervento.

di Lembo S., Prandi M., Morando A., per Atti Giornate Fitopatologiche vol.1, 2002prove di diserbo nel sottofila condotte su due vigneti di Moscato e Barbera in periodi diversi, unendovi un effetto spollonante con uso di glufosinate ammonio.

Gestione del terreno e delle infestanti

Ecco gli articoli di questa sezione Gestione nel vigneto di polloni e infestanti sottofila Sergio Lembo Gianluca Ravizza Vigneto bio: controllo delle infestanti Giulio Moiraghi