Vit.En

Defogliazione

Ripercussioni qualitative

Dopo un periodo, a cavallo tra i due secoli, in cui era prevista una defogliazione totale della zona grappolo credendo che questa favorisse la maturazione dell'uva, oggi si può parlare di "defogliazione controllata". Tale operazione infatti è vista come una pratica con fondamentali implicazioni fisiologiche sulla pianta (e quindi qualitative) e dev'essere gestita a seconda dei casi in maniera differente.
Ombreggiamento del grappolo.
Come principio fondamentale la defogliazione dovrebbe creare un microclima arieggiato nella zona grappolo (per i vantaggi sanitari visti in precedenza), evitando però di esporre eccessivamente il frutto ai raggi diretti del sole. Ciò si può ottenere ad esempio con defogliazioni precoci che consentano alla pianta di recuperare parzialmente alla privazione delle foglie. Inoltre gli organi verdi successivamente emessi dalla pianta consentono di proteggere il grappolo dai raggi diretti del sole (Mescalchin et al., 2008).
Defogliazione precoce.
Qualora l'obiettivo sia un contenimento della produzione in modo da minimizzare il diradamento dei grappoli durante l'invaiatura si potrebbe optare per una defogliazione molto precoce, possibilmente prima della fioritura. Lo stress provocato alla pianta in quella fase ridurrebbe la percentuale di allegagione con il risultato di grappoli più spargoli che si traduce in un contenimento della produzione per ettaro. Nonostante la pianta recuperi parzialmente a tale stress, incrementando il peso dei singoli acini rimasti, si arriva al momento della raccolta con un significativo decremento produttivo. Ciò per contro favorirebbe diversi parametri qualitativi (APPROFONDIMENTO C), come il classico diradamento dei grappoli, eseguito manualmente durante il periodo dell'invaiatura (Poni et al., 2008; Intrieri et al., 2009).
Defogliazione tardiva.
Recentemente è stata proposta una defogliazione post-invaiatura atta a ritardare il periodo vendemmiale o, per meglio dire, far coincidere il più possibile maturità tecnologica (zuccheri e acidità) con la maturità fenolica (antociani e tannini). Solitamente la prima è tanto più anticipata rispetto alla seconda, in misura proporzionale alle temperature estive. In annate o climi particolarmente caldi e siccitosi, potrebbe essere utile asportare una frazione dell'apparato fogliare (sito nella zona centrale della parete, appena sopra la fascia grappolo) in modo da ritardare l'eccessivo accumulo zuccherino, facendo pertanto coincidere zuccheri, acidità e massimo accumulo degli antociani (Galbignani et al., 2014).

 

 

Ricerca per Tag: Defogliazione

SFOGLIATURA DELLA VITE E ANDAMENTI CLIMATICI

di Silvia Guidoni La sfogliatura della vite è una pratica colturale diffusa da molto tempo, soprattutto nelle aree viticole più settentrionali. Essa consiste nell’eliminazione di foglie e/o femminelle dalla zona fruttifera [...]

"Occhi" diversi per guardare il vigneto.

Simone Lavezzaro, Stefano Gozzelino, Stefano Ferro, Albino Morando Da Vitenda 2012 Oggi le aziende viticole hanno a disposizione mezzi innovativi per ottenere le mappe di vigoria dei propri vigneti come il rilevamenato aereo e satellitare [...]

Accorgimenti tecnici negli interventi in verde per il miglioramento qualitativo del Moscato

di Bovio M., Gay G., Morando A.da Quaderni Viticol. Enologia Università Torino n. 17 1993Prove di cimatura, sfogliatura e sfemminellatura sono state eseguite nel biennio 1991-92 in 13 aziende con vigneti coltivati a Moscato bianco.

Ricerche sulla possibilità di defogliazione chimica della vite in funzione d'un anticipo della potatura.

Defogliazione chimica con Ethephon sperimenatat su cinque cultivar come mezzo per agevolare la potatura.

Miniguida alla potatura verde

di Albino Morando Un piccolo compendio delle tecniche agronomiche per una corretta gestione del verde, con un occhio di riguardo a quanto è possibile e doveroso meccanizzare e quanto va eseguito ancora pazientemente a mano

Gestione in verde del vigneto

di Stefano Poni. La gestione della chioma (scacchiatura dei germogli, cimatura, defogliazione e diradamento dei grappoli)è il parametro che incide maggiormente sulla quantità di manodopera e sulla qualità finale dell'uva. [...]

I sedili elettrici: una nuova risorsa nell'abbattimento dei costi

di Giancarlo Spezia I sedili elettrici rappresentano un importante aiuto nell'esecuzione dei lavori manuali. Le prove hanno dimostrato un aumento sensibile del rendimento dei lavoratori e un rimarcabile apprezzamento per il sollievo apportato.

Fattori che influenzano gli antociani nelle uve Nebbiolo e Sangiovese.

di Dora Marchi, Giacomo Mazza, Patrizia Cascio, Luigi Dagna.Vitenda 2013Una prova condotta da Enosis ha analizzato le influenze di clima e tecniche colturali e di vinificazione sul profilo antocianico di due esigenti varietà di uve.

Composti fenolici dei vini rossi: ruolo dell'ambiente e delle tecniche colturali

di Christian Zulian, Massimo Bertamini Da Vitenda 2002 Localizzazione dei composti fenolici nelle uve e loro maturazione fenolica, ruolo di clima e microclima sulla sintesi dei composti fenolici, effetto della luce e della temperatura, [...]

Defogliazione: un intervento, tanti obiettivi.

Riccardo Castaldi Da Millevigne (2) 2016 La defogliazione, sia manuale che meccanica, è esaminata in diverse epoche di esecuzione e fasi fenologiche, dall'inizio fioritura fino alla fase pre-vendemmiale, a seconda dei risultati che ci [...]
Pagina:
1
2>>